.
Annunci online

GBestBlog
Troppo giovane son io, ed il Nero e' un triste colore.

"E' come se le note musicali, creassero una specie di parentesi temporale, una sospensione, un altrove in questo luogo, un sempre nel mai"

(Muriel Barbery)









Gbestblog consiglia


L' eleganza del riccio

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
Più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarno
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci troverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA



















 

20 aprile 2006
CANTO DI NATALE

        

Signora dei vicoli scuri dal vecchio cappotto sciupato

Asciugati gli occhi e sorridi c'è un altro Natale alle porte

Non senti le grida e le voci e qualcosa di strano nell'aria

Anche i muri ingrigiti dei vicoli splendono sotto la luna

 

Ti ricordi c'incontrammo in un giorno di neve e di freddo

E la sera ci facemmo un bicchiere di scura ed un giro di walzer

Con tanti saluti ad un altro Natale

 

Signora dei vicoli scuri abbracciami forte stasera

Anche i gatti festeggiano a volte e cantano sotto le stelle

Dimentica il freddo le lacrime e le scarpe coperte di fango

E il destino di un vecchio ubriacone cullato dal canto del vento

 

Ti ricordi c'incontrammo in un giorno di neve e di freddo

E stasera ci faremo un bicchiere di scura ed un giro di walzer

Con tanti saluti ad un altro Natale.

 

Signora dei vicoli scuri non mollare la lotta

Verranno momenti migliori il tempo è una ruota che gira

Vedremo le rive del mare in un giorno assolato d'estate

Scoleremo cinquanta bottiglie al riparo di un cielo lontano

 

Ti ricordi c'incontrammo in un giorno di neve e di freddo

E stasera ce ne andremo a ballare per strade e a brindare un saluto

E un cordiale fanculo ad un altro Natale

Modena City Ramblers



DEDICATA A TUTTI I SOGNATORI E A TUTTI COLORO CHE CI CREDONO ANCORA E CI CREDERANNO PER SEMPRE....
MA SOPRATTUTTO AD UNA PERSONA, SPERANDO CHE LA SUA RISERVA DI SOGNI NON FINISCA MAI......




permalink | inviato da il 20/4/2006 alle 1:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 313152 volte