.
Annunci online

GBestBlog
Troppo giovane son io, ed il Nero e' un triste colore.

"E' come se le note musicali, creassero una specie di parentesi temporale, una sospensione, un altrove in questo luogo, un sempre nel mai"

(Muriel Barbery)









Gbestblog consiglia


L' eleganza del riccio

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
Più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarno
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci troverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA



















 

12 luglio 2006
IL COMPORTAMENTO DEL SIGNOR BLATTER E I SIMBOLI POLITICI

Credo che la Fifa non abbia preso bene la nostra vittoria.
Ci stavo riflettendo nelle ore successive al trionfo.
C'e' un fatto a dimostrarlo: Il signor Blatter non si e' presentato alla premiazione degli azzurri.
Evento mai accaduto.
Il fatto che l'Italia potesse trionfare, non era stato minimamente preso in considerazione.
Blatter aveva sputato sul calcio italico ancor prima che iniziasse la competizione.
Con che faccia avrebbe presenziato alla premiazione.
Avrebbe dovuto fare "buon viso a cattivo gioco".
Ma probabilmente non e' stato in grado.
Ricordiamo pero' al signor Blatter, che e' il "sistema" calcio ad essere malato.
Non i giocatori.
Fino a prova contraria, sono da considerare innocenti.
E secondo me lo sono.
Se i colpevoli ci sono, sono i dirigenti.
Da premiare erano gli atleti.
Ma probabilmente Blatter era accecato di rabbia.
Tanto da lasciare a Beckenbauer (non so se e' scritto bene), l'onore di premiarci....
Figurarsi come doveva sentirsi Kaiser Franz....
Grandissima festa al Circo Massimo.... Una festa nazionale....
Pero' domandina per i bambini delle elementari:
Perche' e' stato esposto uno striscione con il simbolo della croce celtica e la scritta: "FIERI DI ESSERE ITALIANI" ?
Apparte la parola italiani nello striscione, di tricolore, c'era nulla.
Innanzi tutto la croce CELTICA, che appartiene per definizione al popolo dei CELTI, ovvero gli IRLANDESI.
Ora mi pare palese che il vocabolario non sia il miglior amico di certa gente...
Caro signor Buffon poi....
Grandissimo portiere....
Pero' mi incappi in errori su errori: Prima la scritta "BOIA CHI MOLLA" che ammetti di non sapere essere un motto fascista.... (lo sa anche mia nonna, ma passi), la maglietta numero 88 (Heil Hitler), numero maledetto degli ebrei.... e siamo a 2....
E poi sto striscione con la croce celtica che fiero sventoli....
Ora: ognuno e' padrone delle proprie idee, ed io non voglio giudicare quelle.... Pero' che almeno stavolta non ci venga a dire che non sa cosa significa.....
Concludo dicendo che mi avrebbe infastidito anche uno striscione con la falce ed il martello....
Ma non perche' non ami quel simbolo, anzi....
E' solo che non siamo un paese in grado di depoliticizzare nessun evento....
Il pugno chiuso o il saluto romano dovrebbero rimanere fuori da quello che sembra essere l'unica manifestazione di unita' popolare che ci e' rimasta....
Senno' poi Blatter alla prossima premiazione ce lo sognamo veramente.....




permalink | inviato da il 12/7/2006 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte