.
Annunci online

GBestBlog
Troppo giovane son io, ed il Nero e' un triste colore.

"E' come se le note musicali, creassero una specie di parentesi temporale, una sospensione, un altrove in questo luogo, un sempre nel mai"

(Muriel Barbery)









Gbestblog consiglia


L' eleganza del riccio

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
Più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarno
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci troverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA



















 

letteratura
17 settembre 2006
GENERAZIONE OCCULTA
Lascio a voi queste parole
mi conviene.
Sogno posti dove non potro' mai arrivare
ma non mi sono arreso
è solo e solamente poesia
sogno improbabili alcove
dove covare ricordi
parole peregrine
per un semplice bicchiere di vino.
Benestare del pensiero
rimugino come fossi un combattente sconfitto
ma credo
quindi non penso.
Ossequi padrone
vado via
dove non mi potrai mai raggiungere
ed io saro' re di me stesso
del mondo che mi sono costruito.
Sono pazzo ?
Forse.
Ma sono libero.
Non riesci piu' a leggere cio' che scrivo ?
Che paura
mi fa
la mia generazione
occulta
da alti ed erti otri di bugie
vorrei accavallare le gambe e ricredermi
perche' nessuno e' piu' capace di dire
dare e rispondere.
Abbiamo delle responsabilita' e dobbiamo sentirle
dobbiamo sentirle
anche se non c'e'
nessuno che le ascolta
la colta societa'
liberista
sta a guardare
dalle are della sua verita'
la vita che scorre
nelle ore vuote della notte
le onte che non sa cancellare.
Qualcuno vi avrebbe detto:
"per quanto voi vi crediate assolti siete lo stesso coinvolti"




permalink | inviato da il 17/9/2006 alle 13:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte