.
Annunci online

GBestBlog
Troppo giovane son io, ed il Nero e' un triste colore.

"E' come se le note musicali, creassero una specie di parentesi temporale, una sospensione, un altrove in questo luogo, un sempre nel mai"

(Muriel Barbery)









Gbestblog consiglia


L' eleganza del riccio

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
Più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarno
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci troverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA



















 

vita familiare
7 marzo 2008
PER UNA TRUFFA, PER UN AMORE FINITO MALE
Parlavo con mio padre di mio nonno. Quello paterno. Ne ho sempre parlato poco. Almeno per quello che riguarda il periodo della guerra. Del dopo sempre molto. Ma di quel capitolo, mai.
Un pò perchè mia nonna Felicetta, mi aveva raccontato tutto (il raccontabile), un pò forse per paura.
Oggi ho fatto una domanda a mio padre. Provo a riportarvi il dialogo.
Userò i termini letterali usati da mio padre, al fine di rendere il dialogo piu' reale possibile. Nel caso ci siano minorenni all'ascolto, si consiglia la presenza di un adulto.

A: Papà, ma nonno ti ha mai parlato della guerra, se ha mai avuto voglia di scappare ?
P: Andrea, nonno era del 20, e quando è partito per la guerra aveva venti anni, e per quanto potesse avere un senso di patria, che gli avevano inculcato, non gliene fregava un cazzo della guerra.
A: E quindi ?
P: Quindi lui mi diceva che, si, gli piaceva quel senso di ordine, ma per esempio a lui il fatto che il sabato dovessero andare in piazza non piaceva. Era una costrizione. Una dittatura.
A: E non ha mai pensato, di diventare Partigiano ?
P: Questo non lo so, forse si, ma ti posso dire, che quando partì con il treno, ad un certo punto, si butto' giu', perche' voleva rivedere la mamma ed il papà. Lui aveva vent'anni. Sapeva che se fosse partito, molto probabilmente, non sarebbe tornato. Voleva riabbracciare mamma e papà. Se poi lo avessero preso come disertore allora sarebbe ripartito. Ma a lui della guerra non importava.
A: Ma dopo questo episodio non e' mai piu' scappato ?
P: Macchè anzi. Pensa, che l'inculcamento che la dittatura gli aveva imposto era cosi' forte che, dopo l'8 Settembre, un giorno lo mandarono a portare un messaggio in non so quale campo. Lui fu beccato dagli americani, che gli sequestrarono il messaggio e gli dissero: "Hai 2 alternative, o vieni con noi, o torni al tuo campo" e pensa: lui torno' indietro. Quando i compagni lo videro gli dissero : "A Scaramu' certo che sei un testa di cazzo: ma come ? Eri libero e te che fai ? Torni indietro ?
A: E poi come e' andata a finire ?
P: E' finita che gli americani lo hanno preso, e gli hanno chiesto: "Che sai fare ?" e lui ha detto "L'infermiere". L'infermiere, figurati, tuo nonno le faceva ad intuito le punture! Pero' si e' salvato la vita....

Forse riportato cosi' sembrera' folle, un po' sconclusionato, ma per fortuna, grazie a quella piccola invenzione mio nonno non e' stato uno di quelli che "hanno rimandato a casa le loro spoglie nelle bandiere, legate strette perche' sembrassero intere".

Nonno, dovunque tu sia, anche se non ti ho mai visto in viso, anche se non mi hai mai raccontato queste cose dal vivo, sappi che ti voglio bene.
E sono contento che "della guerra non te ne importasse un cazzo" e che volevi solo avere 20 anni.
Quei vent'anni che non ti hanno fatto vivere, ma che hai dovuto raccontare come guerra e distruzione.
Grazie nonno.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nonni guerra

permalink | inviato da GBestBlog il 7/3/2008 alle 23:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 313247 volte