.
Annunci online

GBestBlog
Troppo giovane son io, ed il Nero e' un triste colore.

"E' come se le note musicali, creassero una specie di parentesi temporale, una sospensione, un altrove in questo luogo, un sempre nel mai"

(Muriel Barbery)









Gbestblog consiglia


L' eleganza del riccio

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà a deciderlo tocca a noi.
Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.
Ma soltanto col silenzio dei torturati
Più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarno
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.
Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci troverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA



















 

calcio
18 giugno 2008
VINCERE (VAN) BASTA E AVANZA
E' successo.
A pensar male, si fa peccato ma a volte si indovina.
Molte volte pero', si sbaglia.
E' andata diversamente da 4 anni fa.
Perchè gli olandesi se la sono giocata fino in fondo.
Perche' l'Italia, finalmente ha cominciato a giocare.
Il rigore nel primo tempo, con conseguente espulsione di Abidal, ci ha facilitato il compito.
Si era pero', visto da subito, che il gioco era fluido.
Finalmente c'erano non solo schemi, ma anche voglia di giocare e correre.
Chiellini e Panucci al centro della difesa a sbagliare niente.
Zambrotta e Grosso a coprire e ripartire come in Germania 2 anni fa.
Gattuso a mordere, insieme a De Rossi, le caviglie dei francesi.
Pirlo ad impostare.
De Rossi, pero' merita un capitolo a parte.
Un vero leone.
Che oltre a mordere, come da capoverso precedente, aiuta Pirlo ad impostare.
Toni ancora non vede la porta, ma ha il merito di costringere Abidal a farsi buttare fuori, e a far mettere Pirlo a tu per tu con il primo portiere decappotabile della storia, Coupet.
L'Olanda intanto, nell'altro match sbaglia gol a ripetizione, facendo smadonnare tutta Piazza del Gazometro.
Pero' il pareggio basta comunque.
(L'acqua anche basterebbe, ma sembra non averne mai abbastanza).
Nel secondo tempo cerchiamo di controllare la partita, lasciando troppi spazi alla Francia, ma, il solo pericolo che corre Buffon e' un tiro di Benzema, che lo stesso Gigi, para come fosse bere un bicchier d'acqua.
Del resto il miglior portiere del Mondo, non a caso.
La Francia ne avrebbe uno che non e' parimenti ma ci si avvicina, ma siccome il suo allenatore ha un modo tutto suo di vedere il calcio, egli, giustamente (?) siede in panchina.
Punizione per noi, sulla palla va De Rossi.
Siluro verso la porta, deviato da Henry.
2 a 0 !
Un rigore ed un autogol nella stessa partita.
Tutto cio' che la Fortuna ci ha tolto nelle 2 gare precedenti, ci sta restituendo adesso.
Ora avanti.
La Spagna.
Di Villa e Torres.
Senza Pirlo e Gattuso.
Dentro Aquilani prima di subito.
Con De Rossi una coppia piedi-polmoni.
La ruota sembra aver girato.
Non facciamo che si fermi.
Da sottolineare, la correttezza della compagine Orange, che, nonostante la partita non contasse nulla per loro, hanno comunque giocato e sconfitto la Romania.
E cosi' Danimarca Svezia e' cancellata.
E noi, siamo ai quarti.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Italia - Francia Olanda Correttezza

permalink | inviato da GBestBlog il 18/6/2008 alle 17:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
calcio
11 giugno 2008
CHE SIA FRANCIA O CHE SIA SPAGNA: IBRA SEGNA, L'ITALIA I GOL SE LI MAGNA
Francia Romania 0 0
Olanda Italia 3 - 0: 26' Van Nistelrooy, 30' Snejder, 79' Van Bronchorst
Spagna Russia 4 - 1: 20' Villa, 44' Villa, 75' Villa, 86' Pavlyuchenko, 91' Fabregas
Grecia Svezia 0 - 2 : 67' Ibrahimovic. 72' Hansson

Commentiamo 4 partite tutte insieme stavolta.
Se non altro, perche' riprendersi dalla batosta di lunedi' e' stato difficile.
Anzichenò.
Che l'Italia non fosse quella Campione del Mondo, si era visto subito.
Troppo contratta, poche idee, troppo farraginosa.
Insomma.
Troppo diversa.
Senza Cannavaro.
Senza Nesta.
Senza Totti.
Soprattutto l'assenza del primo e del secondo hanno fatto la differenza.
Un conto e' averli e sapere di poter scegliere di non utilizzarli, o non poterli utilizzare per una partita.
Un altro e' saperli infortunati, o ritirati dalla nazionale.
Mancano gli automatismi.
Ambrosini al posto di De Rossi e' inspiegabile.
Non perche' Ambrosini non sia un buon giocatore, ma il solo Pirlo in impostazione, e' un lusso che questa Nazionale non puo' permettersi.
In piu' De Rossi è un giocatore, che quando serve, sa fare anche il quinto difensore.
Anche se forse, visti gli Azzurri di ieri, piu' che la difesa, sarebbero occorsi i caschi blu.
L'Olanda ci ha messo sotto.
Van Nistelrooy si e' dimostrato quello che e': un grandissimo rapace da area di rigore.
Il gioco degli arancioni era fluido.
Quello degli azzurri, una minestra riscaldata.
Oggi ho sentito qualcuno, dire, che la formazione (effettivamente il centrocampo qualche dubbio lo faceva sovvenire), la avesse fatta Berlusconi.
Se perderemo gli Europei sapremo con chi prendercela, e diremo che almeno, anche se per soli 25000 voti, con Prodi, non avevamo risanato il bilancio evvero, pero' eravamo Campioni del Mondo.
Apparte le boutade, e ne sentiremo tante da qui alla fine, contro la Romania, serve un'altra squadra, un altro spirito, e magari un De Rossi in piu'.
L'importante e' che poi non si dica che la squadra l'ha fatta Sensi.
Fatto sta che in uno scontro tra ex-sacchiani, vince la punta.
L'ala ancora non sa volare.
La Francia, dal canto suo, con Branko, in panchina, che, per le occasioni ufficiali, si fa ribattezzare Domenech Raimond, impatta 0 a 0 con la Romania.
Non so se sia peggio Donadoni che sbaglia la formazione di suo, o il CT francese, che continua a formulare le formazioni affidandosi alle stelle.
Il trigono con Urano e' ancora piu' importante degli equilibri.
In Francia ci avranno fatto il callo.
O forse semplicemente aspettano.
Che il commissario tecnico diventi Carla Bruni.
Hai visto mai.
Chi non deve affidarsi a nessuna scaramanzia e' la Svezia.
Non servono mica le congiunzioni astrali ad una squadra che ha Ibrahimovic.
Basta aspettare che gli arrivi la palla giusta.
Mancini grazie a lui se ne e' andato da vincitore.
Ora cominceremo a chiederci, giustamente, come la Grecia abbia potuto vincere gli scorsi Campionati Europei.
La compagine che spaventa e' la Spagna.
Con una media del genere, potrebbe chiudere il girone a 12 gol fatti e 3 subiti.
Villa potrebbe essere tra pochi giorni a 9 gol.
Fantacalcio.
Pero' la squadra c'e'.
Senza Raul.
Chissa' che non sia la volta buona.
Mi ricordo, quando ancora ero un pupo che, la cessione di Signori nella prima Lazio di Eriksson, mi sembro' uno sproposito.
Faticai ad accettarla.
Beppe era una sorta di Totem.
Eppure da quel momento cominciammo a vincere.
Raul e' una sorta di totem in terra iberica.
Senza di lui, la Spagna pare uno schiacciasassi.
Vero e' che la Russia non e' l'Unione Sovietica.
Ma sara' un caso, se la miglior squadra vista fin ora, e' quella che rappresenta un paese con una maggioranza di Governo Socialista ?


sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte