Blog: http://GBestBlog.ilcannocchiale.it

HE WAS MY FATHER

Ricordi ?
la corsa sulle scale in un caldo giorno d'estate
a pensare che da adesso le cose son cambiate
non e' un emozione misurabile con righelli e squadre
e' perdere la testa perche' sei diventato padre.
Ricordi ?
i tuoi silenzi pieni di stanchezza
l'aria un po' stantia mentre io cercavo brezza
e gli abbracci nella notte della mente mia confusa
mentre tra una lacrima e l'altra io ti chiedevo scusa
e tu mi stringevi tra le tue braccia forte
e da me allontanavi tutta l'ombra della morte
E piangere insieme in un caldo pomeriggio,
scacciare con le lacrime le tonalita' di grigio
brindare con un vino rosso sangue alla vittoria
contro qualcosa di infido, ma che non sa di gloria,
Adesso che ti guardo in fondo in fondo ti capisco,
sono come un giradischi
non so stare senza disco.

Pubblicato il 27/7/2006 alle 14.55 nella rubrica Poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web