Blog: http://GBestBlog.ilcannocchiale.it

MANUALE D'AMORE 2: LA RIVINCITA DI MIMMO

Il post sui fatti "calcistici" di ieri sera, è la. Coloro che vorranno leggerlo e commentarlo sono beneaccetti.
Ma per cercare di alzare un po' il morale, sperando di non passare per menefreghista, vorrei parlare del film che ieri sera sono andato a vedere al cinema.

Manuale d'Amore 2. Non ho visto il primo. Ma da quello che ho capito poco conta. La cosa più divertente dell'inizio della pellicola e' stata  che la mia amica Valentina, manda un sms alla sorella scrivendole "Vogliamo parlare di quanto è fico Scamarcio ?" e lei le risponde: "Si effettivamente..... Mentre la Bellucci l'ho trovata un pò invecchiata!"
Viva la vecchiaia.
Nel complesso comunque il film non mi ha fatto impazzire. (La Bellucci si, ma questo è un discorso tra me ed i miei ormoni.)

Non so se sono stato il solo a notarlo, ma, l'ultimo episodio, "Amore Estremo", che vede protagonista Verdone (vedi foto), sembra una sorta di rivincita del Mimmo di "Un sacco bello".
Sono molti i punti in comune tra la prima pellicola verdoniana, prodotta da Sergio Leone, ed il film di Veronesi:
1- La protagonista femminile di Amore Estremo è spagnola, così come Marisol
2- Il luogo dove nasce il loro "amore" è una terrazza, come quella della cena tra Marisol e Mimmo
3- Il rapporto tra i 2 nasce, in entrambi i casi, perchè Verdone aiuta la donna in questione
4- In entrambe le pellicole c'e' la scena del bagno in un luogo "proibito", che nel caso di Marisol è lo zoo.

Le coincidenze cinematografiche ci sono.
Solo che stavolta, ha vinto Mimmo.

Pubblicato il 3/2/2007 alle 15.14 nella rubrica Film e varie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web