Blog: http://GBestBlog.ilcannocchiale.it

NUVOLA BIANCA

Odorano le lande desolate
Signora della terra e della notte
mentre le erbe che dal vento sparpagliate
si rispecchiano nelle stoviglie rotte
Mentre il fumo sale lento e silenzioso
generali che ci guardano morire
il pensiero si fa torvo e lacunoso
tutto fatto, quasi niente piu' da dire
Guardo frecce che rispecchiano la morte
e le facce di chi se ne e' andato via
batte il cuore, ha deciso la mia sorte
chi violenza la chiamo' democrazia
Nuvola Bianca ha acceso un Calumet
sogna ancora del fucile il sordo click
mentre suda e pensa ancora alla morte
che ha viaggiato sulle sponde del Sand Creek.

Pubblicato il 26/5/2007 alle 2.49 nella rubrica Poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web