Blog: http://GBestBlog.ilcannocchiale.it

POESIA PER ALBERTO SORDI

Ce lo sapevi bene
in fonno in fonno
che avevi fatto ride tutto er monno
e perche' l'urtimo scherzo nun te riuscisse male
hai detto:
"Tumulateme a Carnevale"
Adesso se Ricciotto potesse urlare
lo farebbe davero pe tutto il paese
direbbe:
"Zitti zitti, nun parlate, che s'e' addormito pe davero
er marchese".
Tu eri de tutta Italia da Aosta a Siracusa
ma eri soprattutto uno romano
e lo dicevi co tutto il core in mano.
E adesso Albe' scusa si rido come un pazzo,
ma me sa che c'avevi ragione te a di':
"Io so io,
e voi non siete un cazzo".

Pubblicato il 16/7/2008 alle 20.14 nella rubrica Poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web